EN

it

nl

mattonificio 'elden'

progetto di tesi

Nel corso del 1900 il paesaggio ed il panorama lungo il fiume Nederrijn di Arnhem fu drasticamente trasformato dal processo intensivo di estrazione dell'argilla del settore dell'industria di laterizi. Il mattonificio 'Elden' inizió la propria attivit'a nel 1928, producendo nella sua fornace mattoni per la pavimentazione del sistema infrastrutturale olandese. A causa della meccanizzazione e  della riorganizzazione del settore industriale, la fornace 'Elden' fu chiusa nel 1992, lasciando come testimonianza del suo passato l'edificio principale del forno e un paesaggio drasticamente cambiato.

Il progetto di ristrutturazione della fornace 'Elden' consiste nella sua trasformazione in un albergo con ristorante adiacente. L'ingresso dell'hotel si apre nel vecchio corridoio per il fumo con aperture laterali verso le camere. Il tetto è stato aperto per fornire gli spazi interni con sufficiente luce. Il primo piano è diviso in due: un ristorante sul lato del fiume e gli spazi per le altre funzioni dell'hotel sul lato opposto. Il ristorante ha una pianta aperta, mescolando la cucina con i tavoli per gli ospiti. Su un'estremità la copertura del tetto è stata rimossa per esporre la costruzione in legno verso l'esterno, creando così una terrazza.

Il concetto base del progetto é quello di trasformare la vecchia fabbrica per consentire la nuova funzione di albergo, senza perdere, nella riqualificazione, la tipologia dell'industria dei laterizi. Aspetti caratteristici di questo settore, come ad esempio gli spazi e la massa del forno, il camino, il corridoio per il fumo ed i tunnel, sono stati d'ispirazione per il nuovo design degli interventi. Le modifiche apportate all'edificio possono essere riconosciute come un nuovo strato di storia del forno. Gli elementi non sono stati aggiunti alla costruzione, piuttosto rimossi, come un inizio di  decostruzione nel tempo.

 

 

 

 

 

Foto del mattonificio 'Elden' provenienti da >>

Continua a leggere sul paesaggio >>

Nomina: Archiprix Olanda 2017 >>

Visualizza tesi di laurea completa >>

© Steffie de Gaetano 2016